You are hereI Bifolchi - festa Madonna del Monte, Marta (VT)

I Bifolchi - festa Madonna del Monte, Marta (VT)


----------------

Il nome bifolco, derivato etimologicamente dal latino bifulcum, variante di bubulcum, indica il custode dei buoi, il salariato che accudisce il bestiame e lo impiega nei lavori agricoli.
Lavoro caratterizzante e di particolare perizia è l'aratura, effettuata con l'aratro a chiodo e trainato da due buoi aggiogati (il "parecchio") ma non sono secondari i lavori di semina, carratura, trasporto.

I Bifolchi durante il corteo sono preceduti dal Signore con il palio rosso con l'immagine dei buoi aggiogati all'aratro a chiodo e oltre agli animali (buoi, vacche, asini) portano gli attrezzi da lavoro: il gioco, la concia, l'aratro, la cerata, le frocette, il campagno, le gionture... possono aggiogare i buoi anche al carro e all'erpice.
Il Portaspese, cioè l'incaricato che portava i viveri nei campi durante i lavori agricoli (inietitura, trebbiatura, vendemmia, raccolta delle olive...) sfila con la sua cavalcatura: l'asino con le bisacce.
All'interno della categoria dei bifolchi troviamo i Pastori che possono avere con sé pecore, agnelli, caprette.
Il loro carro è costituito dalla capanna costruita con stoppia o scopone, ornata con tutti gli antichi attrezzi della pastorizia.